Prede e Cacciatori – I Corti di Librogame’s Land

by • 09/06/2014 • Dal LibroGame al Gioco di Ruolo, I Corti di LGL, NewsComments (0)1629

librogame's land

Nuova settimana, nuovo Corto in lizza per il concorso di Librogame’s Land! E’ tempo di leggere, giocare e votare il quinto racconto-game: Prede e Cacciatori!

Continua la fase di lettura, gioco e giudizio de i racconti-game in gara per la sesta edizione del contest “I Corti di Librogame’s Land”.

Alla data di consegna sono arrivati i seguenti elaborati qualificabili e da oggi è possibile leggerli, giocarli, commentarli e votarli al sostenibile ritmo di 1 per settimana, secondo il seguente calendario:

1) Guerre Civili (Lun 5 Maggio – Ven 9 Maggio) – Corto Fuori Concorso

2) Il Prescelto (Mer 7 Maggio – Dom 11 Maggio) – Corto Fuori Concorso

3) La Lacrima di Nyxator (Lun 12 Maggio – Dom 18 Maggio)

4) Sull’orlo del buco (Lun 19 Maggio – Dom 25 Maggio)

5) Cuore di cane (Lun 26 Maggio – Dom 1 Giugno)

6) Il Guardiano (Lun 2 Giugno – Dom 8 Giugno)

7) Prede e Cacciatori (Lun 9 Giugno – Dom 15 Giugno)

8) Vita da cani (Lun 16 Giugno – Dom 22 Giugno)

9) Liberami, disse l’uomo (Lun 23 Giugno – Dom 29 Giugno)

10) Il Consiglio dei Topi (Lun 30 Giugno – Dom 6 Luglio)

11) Lo Spettacolo di Lionardo (Lun 7 Luglio – Dom 13 Luglio)

12) Sangue e intrighi alla corte di Aquisgrana  (Lun 14 Luglio – Ven 18 Luglio) – Corto Fuori Concorso

13) Tanis (Mer 16 Luglio – Dom 20 Luglio) – Corto Fuori Concorso

ancient_migration

Prede e Cacciatori – Prologo

Il tuo nome è Attichitcuk. Sei un ragazzo appartenente ad una piccola tribù di pellerossa.

La tua gente, un tempo di casa nelle Grandi Pianure, è stata costretta a ridurre sensibilmente il proprio territorio a causa della spietata uccisione dei bisonti, da cui dipende la vita della tribù, da parte degli uomini bianchi. Vi siete spostati quindi sempre più a nord, avvicinandovi alle fredde foreste che ricoprono i monti del continente.

Le mandrie di bisonti che un tempo si estendevano praticamente su ogni parte della terra si sono assottigliate pericolosamente. Per riuscire a procacciare il cibo e le pelli necessarie alla sopravvivenza del tuo popolo i cacciatori sono costretti ad allontanarsi sempre di più, alla ricerca dei pochi capi di bestiame sfuggiti ai bastoni tonanti dei bianchi. Avresti sempre voluto partecipare anche tu alle battute di caccia, ma hai dovuto accontentarti solo di ascoltare i resoconti che i cacciatori fanno dinanzi al falò. Da piccolo sei stato calpestato da un mustang imbizzarrito; sei rimasto per molto tempo a letto in preda alla febbre, ma sei sopravvissuto. Tuttavia, la tua gamba sinistra aveva subito una consistente frattura che non si è mai risanata del tutto, lasciandoti storpio. La mancanza di una perfetta forma fisica, dote necessaria ad o-gni cacciatore che si rispetti in modo da poter sostenere le lunghe marce a cavallo, o la necessità di percorrere lunghe distanze a piedi, non ti hanno mai permesso di venire riconosciuto degno di partecipare alla caccia rituale. Pertanto fino ad oggi sei rimasto al villaggio, insieme ai bambini, ai vecchi e alle squaw.

Hai superato già da un paio di anni l’età in cui i maschi della tua tribù intraprendono il rito dell’animale sacro, necessario per poter diventare un guerriero. La tua insistenza si è fatta cosi forte che tuo nonno, uno degli anziani della tribù, ti ha finalmente concesso di recarti nelle praterie per eseguire il rituale. Ha aspet-tato che i guerrieri partissero per una nuova spedizione prima di lasciarti partire: sei sicuro che l’abbia fatto per evitare di dare spiegazioni sulla tua partenza. Sai bene che anche lui ritiene che non potrai mai diventare un cacciatore: pertanto ha fatto in modo di evitare che tu venga nuovamente deriso quando ritornerai a mani vuote dal tuo rituale. Ma lo farai ricredere: sei stufo di venire deriso dagli uomini ed ignorato dalle squaw.

Ti sei sempre allenato duramente in attesa di questo giorno: quando tornerai al campo, lo farai per esigere il rispetto della tribù, come ti è dovuto. Il tuo cavallo, Brezza Dorata, ti aspetta impaziente. Hai sempre avuto difficoltà a montargli in groppa; pertanto lo hai addestrato ad inginocchiarsi per permetterti di salirgli in groppa. Questa manovra scatena spesso gli sbeffeggi degli altri ragazzi, ma non ti importa: Brezza Dorata è un’ottima cavalcatura, una giumenta veloce e resistente, che ti ha sempre ubbidito fedelmente.

Dopo aver portato con te qualche provvista saluti tuo nonno e lasci il villaggio. Sei diretto verso un altopiano che si erge in mezzo alla pianura ad un paio di giorni di distanza dal campo: per la sua particolare conformazione circolare viene ritenuto un luogo sacro ed è solitamente lì che viene inviato a meditare chi ha intrapreso il rituale dell’animale sacro. Raggiungi l’altopiano alla sera del secondo giorno di viaggio: sali lungo l’unica, ripida strada di accesso che conduce in cima all’altopiano. Smonti poi da Brezza Dorata, ed accendi un falò, davanti il quale ti siedi per meditare, in attesa di un segno del Grande Spirito. La notte trascorre senza avvenimenti, ma alle prime luci dell’alba ti accorgi che si è verificato un prodigio…

Leggi, gioca e commenta Prede e Cacciatori su Librogame’s Land!

Pin It

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *