Nemezis: Savage Worlds, divinità mostruose e marine spaziali

by • 06/10/2015 • News, Roba mia, Savage WorldsComments (1)1639

Nemezis

Nemezis: L’amico Matteo Poropat mi ospita sul suo blog – La Tana dello Sciamano – per parlare del primo titolo di fantascienza di Savage Worlds Italia!

Nemezis nella Tana dello Sciamano

Il buon Matteo Poropat mi ha invitato a scrivere qualcosa su Nemezis, il primo dei titoli di fantascienza di Savage Worlds Italia, di cui io stesso curo l’edizione italiana assieme ad Alessandro Aimonetto. Dico “il primo” perché a meno di un mese dal momento in cui scrivo usciranno per GG Studio l’italiano MERCs, un setting sci-punk creato e illustrato da Alessandro Mazzetti, e il Compendio della Fantascienza, tradotto dall’espansione originale della Pinnacle Entertainment.

Insomma, una vera e propria infornata di Fantascienza, a cui partecipano molti autori italiani. A parte i due Alessandro citati sopra, i vari titoli di Nemezis pubblicati da Savage Worlds Italia finora hanno anche contenuti originali di Umberto Pignatelli, Giancarlo Borracci, Andrea Tupac Mollica e lo stesso Matteo Poropat.

Pertanto, andiamo nella Tana dello Sciamano e parliamone: che cos’è Nemezis?

Nemezis: Savage Worlds, divinità mostruose e marine spaziali

Mostri, guerrieri ed astronavi, e il cielo si oscurò.
In alto i missili, e lance termiche e mille e più robot!
Ma noi che siamo uomini, noi difenderemo la libertà!
Ecco gli eroi che insieme a noi lotteranno…

Nemezis: BarizLa sigla del vecchio cartone animato giapponese Astroganga (lo so che la vuoi ascoltare!) è perfetta per raccontare con poche parole di cosa tratta Nemezis. Mi piace così tanto il concetto che una mia (breve) campagna di gioco si chiama proprio così: Mostri, guerrieri ed astronavi…

Di che parla Nemezis? Siamo nel futuro, la galassia è stata in parte colonizzata – specialmente il Braccio del Sagittario, i viaggi interstellari sono una realtà quotidiana e i mondi abitati sono decine di migliaia, a cui va aggiunto un numero dieci volte maggiore di basi e laboratori periferici, avamposti di coloni e terraformatori, asteroidi minerari, fari astrali e stazioni di ricerca.

Nemezis monsterTutto bene, solo che a un certo punto spuntano fuori i mostri… veri e propri Dei Oscuri dai poteri incommensurabili, che distruggono la Terra e da lì iniziano a divorare i sistemi stellari uno dopo l’altro.

La devastazione della galassia non è per fortuna simultanea o troppo rapida, ma avviene anno dopo anno, mondo dopo mondo. Finché, sul piccolo pianeta Cor del sistema Horizon, gli uomini non mettono a segno la prima vera vittoria contro l’Orda dei mostri e il Verme immane che li controlla, il “Divoratore”.

È qui che comincia il gioco: nel sistema Horizon, durante la fase di stallo che consegue questa prima vittoria. Le forze degli uomini si schierano, le Bestie dell’Orda proliferano e una Piramide Nera su Cor sembra essere l’obiettivo strategico fondamentale della Guerra…

Continua a leggere su La Tana dello Sciamano!

Pin It

Related Posts

One Response to Nemezis: Savage Worlds, divinità mostruose e marine spaziali

  1. Matteo says:

    Sempre un piacere collaborare con queste iniziative, e Nemezis è stata una bella scoperta.

    Peccato che ormai non riesco più a giocare di ruolo, mi sarebbe piaciuto portare qualche valente avventuriero spaziale su Cor.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *