I 5 Mondi di Gary Gygax – la Terra

by • 17/07/2013 • Dal LibroGame al Gioco di Ruolo, Dungeons&DragonsComments (2)1226

82166460

Il mondo creato da Gary Gygax per il suo D&D e per i romanzi di Gord il Miserabile è Oerth, un pianeta dal nome molto simile a quello della nostra Terra “Earth”. Ma Gygax immaginò Oerth come solo uno di cinque mondi possibili, assieme alla Terra stessa e ad altri 3: Yarth, Aerth e Uerth.

Parlando della serie di librogame di Sagard il Barbaro, nel 1984 Gygax spiegò che l’azione si svolgeva non sul mondo di Oerth, come la maggior parte dei toponimi faceva sospettare, ma sul “mondo parallelo” di Yarth.

“L’azione si svolge su Yarth, un luogo in qualche modo simile a Oerth, l’ambientazione di Greyhawk. Yarth ha un minor numero di proprietà magiche rispetto a Oerth ma più della Terra (Earth). Non è impossibile che nei mesi a venire pubblicheremo altre opere ambientate su Yarth o forse su un altro mondo alternativo, Aerth. Sulla Terra, la magia è praticamente inesistente. Su Uerth, ci sono aure magiche (dweomer) deboli e pericolose. Yarth ha una spruzzata di cose magiche e Oerth è pura magia.”

I cinque mondi di Gygax coesisterebbero quindi su diversi piani di realtà e differiscono per la loro geografia, geologia e natura fisica, ma anche per il livello di “magia” presente in essi.

Diversi riferimenti a queste terre alternative appaiono in moduli per D&D, in Night Arrant (la raccolta di racconti di Gord il Miserabile), così come in Epic of Aerth, il campaign setting di Dangerous Journeys, ovvero il gdr creato da Gygax dopo D&D e ambientato quindi, ovviamente, su Aerth.

Facciamoci allora un giro sui 5 Mondi di Gygax.

La copertina dell'avventura di D&D ambientata a Londra.

La copertina dell’avventura di D&D ambientata a Londra.

Earth

Earth, la Terra, è il nostro mondo, un luogo dove la magia non esiste affatto. Non ci sono mai stati miracoli o incantesimi nel passato della Terra e gli dei adorati dalla gente di questo mondo non rispondono alle preghiere, anzi a dirla tutta, neanche esistono. Non c’è mai stato un continente perduto di Atlantide, Re Artù non ha mai estratto una spada da una roccia, e non ci sono mai stati draghi o mostri nelle ere passate, escludendo dinosauri e altri animali preistorici riscontrati dalla paleontologia. Se pure esiste la vita su altri mondi, nessun alieno ha mai visitato il pianeta Terra. Il mondo si è evoluto naturalmente. Quando le persone muoiono, il loro corpo di decompone e non esistono fantasmi o presenze soprannaturali. Medium e chiromanti sono solo ciarlatani.

Sulla Terra la magia non è impossibile, solo che nessun abitante comune la conosce o è mentalmente capace di utilizzarla. Le tradizioni e le leggende terrestri che parlano di magie e creature straordinarie non fanno altro che riportare fatti reali di altri Piani.

Infatti, c’è solo una concessione al soprannaturale sulla Terra ed è la presenza di Cancelli Planari. Questi sono estremamente rari sul nostro pianeta, ma a volte si formano e si aprono verso Uerth, Aerth e altri mondi ancora. Questi portali sono l’unica manifestazione della Terra delle potenti energie arcane che scorrono in altre parti del multiverso. Attraverso questi Cancelli, i viaggiatori provenienti da altri piani possono occasionalmente venire sulla Terra e interagire con i suoi abitanti, anche se di solito sono liquidati come pazzi.

17040Come specificato in EX2 The Land Beyond the Magic Mirror, Murlynd (essere semidivino delle prime edizioni di D&D, creato da Gygax sul personaggio giocante di un suo amico) è stato sulla Terra negli anni ’80 e ’90 e se ne è portato via un videoregistratore, delle pistole .45 e un home-theatre.

Secondo The City Beyond the Gate, l’avventura in cui eroi di Oerth arrivano nella Londra degli anni ’80, St. Cuthbert è venuto sulla Terra quando, all’inizio della sua carriera, aveva bisogno di un posto per nascondere la sua mazza alle forze che volevano distruggerla.

.

Wizards_Three_04

I Tre Maghi si incontrano nella sala da pranzo di Greenwood

La Terra è anche il mondo in cui si incontrano Mordenkainen di Greyhawk (Oerth), Elminster di Forgotten Realms (Toril) e Dalamar di Dragonlance (Krynn) nella serie di speciali “the Wizards Three” della rivista Dragon.

Questa rubrica di Ed Greenwood parla degli incontri dei tre Maghi nella sala da pranzo dello stesso Greenwood sulla Terra e dei nuovi incantesimi e tradizioni magiche che questi si scambiano mentre banchettano a spese dell’autore, che a sua volta riporta negli articoli le dritte che riesce a origliare da quello straordinario consesso.

EDIT: avevo dimenticato di segnalare un’altra chicca che riguarda Earth. Nel ciclo di Gord il miserabile, diversi anni dopo la sconfitta di Tharizdun, il Signore dei Gatti di Yarth (questo il nuovo titolo ufficiale del personaggio) viaggia dalla sua nuova dimora dimensionale fin sulla Terra dei giorni nostri e si schiera al fianco di una gang di Los Angeles, per combattere l’invasione del nostro mondo da parte del malvagio signore dei demoni Baphomet. Il tutto appare nel racconto Evening Odds, inserito nella raccolta di racconti Pawn of Chaos in cui Gord viene considerato una versione del Campione Eterno di Michael Moorcock.

Per ogni giorno che passa sulla Terra, trascorre circa un mese su Oerth e Yarth.

Secondo I parametri del Manuale dei Piani dell’Advanced, il fattore fisico della Terra è 5, quello magico -4/-7 e quello temporale è 5.

E gli altri Mondi del Continuum?

Leggi anche di OerthAerthYarth e Uerth

Pin It

Related Posts

2 Responses to I 5 Mondi di Gary Gygax – la Terra

  1. Aerth poi venne sviluppato per il gdr Dangerous Dimension ed è una delle cose più belle di quel gioco, un manuale che ho letto molte volte… ora è un po’ che non lo rileggo ma davvero gradevole, anche se in realtà non c’entrava molto con l’ambientazione implicita del sistema di gioco essendo spostato di più verso il 1700-1800 come situazione politica ma dovuta ad oggetti magici invece che tecnologici…. devo riprenderlo in mano 🙂

    • maurolongo says:

      Sì, Dangerous Dimension, che poi è diventato Dangerous Journeys per motivi legali (DD sembrava una sigla troppo vicina a D&D) TRUE STORY!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *