Conan il Barbaro – Avventure Italiane 4

by • 05/02/2013 • Consigli per gli acquisti, Serie tvComments (15)4650

conan_the_barbarian_2011-1920x1080-800x450

Le avventure di Conan il Barbaro rappresentano uno dei capisaldi assoluti del genere fantasy e il Cimmero stesso è una tra le icone più famose e riconoscibili del fantastico mondiale. Dopo aver recuperato libri, fumetti e videgiochi italiani di Conan, è il momento di dire due parole sul Conan in video! 

1 – I libri

2 – I fumetti

3 – I giochi

Dopo racconti, romanzi, fumetti, videogame e giochi di ruolo non poteva mancare qualche parola sui film di Conan, l’eroe cimmero incarnato in maniera indimenticabile da Arnold Schwarzenegger negli anni ’80 e in seguito dall’hawayano Jason Momoa nel 2011.

Il campo è occupato principalmente dalle tre pellicole principali che molti conoscono, ma ci sono anche un paio di prodotti secondari abbastanza interessanti. L’elenco completo dovrebbe essere più o meno questo:

Conan il Barbaro

Il primo film sul Cimmero è del 1982 e non segue direttamente alcuna delle storie ufficiali di Conan scritte da Howard o dagli autori che hanno gestito il personaggio dopo di lui. Conan trascorre la giovinezza come schiavo e gladiatore (diversamente da quanto narrato nel “canone”), per poi riunire un “party” di avventurieri e affrontare il malvagio Thulsa Doom, che prende il nome e il fisico dall’avversario di un altro personaggio di Howard, Kull di Valusia, e il ruolo dal “vero” arcinemico di Conan: Thoth-Amon.

Amato dagli spettatori italiani e considerato uno dei migliori film fantasy degli anni ’80 (poco ci vuole), il primo film su Conan è un trionfo del muscolare e granitico Schwarzenegger e pesca qua e là alcuni elementi di romanzi e fumetti (Valeria, il Dio Serpente e il suo culto, qualche toponimo) per presentare una storia abbastanza banale e senza troppi slanci. Prodotto dall’italiano Dino De Laurentiis e diretto dal bravo John Milius, Conan il Barbaro è un filmaccio cult di Schwarzenegger, vecchio ormai di 30 anni, che non riesce a uscire dalla Serie B. Rimangono però immortali l’incipit, che riprende le parole di Howard sull’Era Hyboriana e il finale, che allude a Re Conan sul trono di Aquilonia.

conanelbarbaro8215

Conan il Distruttore

Forti del successo del primo film, nel 1984, i De Laurentiis decidono di proseguire la saga con questo “Distruttore”. Per l’occasione si utilizza come arci-nemico Thoth-Amon, che però diventa un seguace del dio Dagoth di origine settentrionale e non “stigiana”. Il nome della nemesi di Conan è quasi l’unico altro riferimento al “canone” oltre al protagonista e la vicenda potrebbe essere quella di un qualsiasi film fantasy “barbarico”.

Stavolta il film, diretto da Richard Fleischer, è leggermente meno crudo e violento del precedente, nonché dotato di una trama meno coesa. Dopo una serie di avventure per le terre selvagge, Conan e il party di turno affrontano il terribile Dagoth “impersonato” dal wrestler Andrè the Giant, il suo sacerdote e uno scimmione (?) ammantato di rosso preso forse da uno dei racconti del canone.

Conan, Dagoth (Andrè the Giant) e

Conan, Dagoth (Andrè the Giant) e Bombaata (Wilt Chamberlain)

Conan (o Kull) il Conquistatore

Conan the Conqueror doveva il terzo film della serie con Schwarzenegger, programmato nel 1987 e poi mai realizzato per vari motivi di produzione e contratti. La sceneggiatura di questa pellicola venne poi rimaneggiata e divenne nel 1997 Kull the Conqueror, con Kevin Sorbo nella parte di Re Kull. La trama verte effettivamente sui racconti di Howard, forse più che i due film precedenti, e in particolare su L’Ora del Dragone e La Fenice sulla lama (a sua volta un racconto originariamente destinato alla saga di Re Kull e poi “trasformato” in una storia di Conan). Kevin Sorbo accettò la parte del film quando ancora il protagonista sarebbe dovuto essere Conan ma chiese di poter interpretare un altro personaggio e il suo ruolo divenne quello di Kull, alle prese con la crudele Akivasha di Acheron. Questo film arrivò in Italia con il titolo di Kull il Conquistatore ma non ebbe praticamente alcun riscontro, finendo nella Serie C delle pellicole fantasy.

Yado

Nel frattempo, nel 1985, poiché Schwarzenegger non poteva/voleva essere protagonista di un terzo film della serie, usciva nelle sale americane Red Sonja, girato di nuovo da Richard Fleischer e ispirato a un personaggio dell’universo espanso di ConanArnold Schwarzenegger appare comunque come spalla dell’eroina con il nome di Lord Kalidormentre l’attrice che in Conan il Barbaro interpreta Valeria avrebbe dovuto essere quì il personaggio principale, ma rifiutò per interpretare l’antagonista, la regina Gedren. Red Sonja fu allora portata sullo schermo da una ventunenne Brigitte Nielsen, che ci vinse anche un ironico premio come peggior attrice esordiente.

Il film fu girato in Italia (con musiche di Ennio Morricone: ebbene sì!) e distribuito nel nostro paese “simulando” sulle locandine che fosse Arnold il protagonista e dando a lui il titolo del filmribattezzando per l’occasione il suo personaggio “Yado”. Il film non riprende alcunché del canone di Conan e neanche dei primi due film (visto anche che appaiono due protagonisti del film di Milius in tutt’altri ruoli).

Schwarzenegger dirà di questo lungometraggio: “Il peggior film che abbia mai fatto. Quando i miei figli fanno qualcosa di sbagliato li chiudo in camera e li costringo a vedere Red Sonja dieci volte di seguito. Non ho mai più avuto problemi con loro.” Si tratta di un tentativo assolutamente malriuscito di sfruttare il genere e gli attori e classificabile nella Serie C del fantasy.

3936728migmb

Conan il Barbaro – il reboot del 2011

Dopo un’idea di realizzare King Conan: Crown of Iron con Schwarzenegger (accantonata per l’elezione di Arnold al governo della California) e un progetto per un Red Sonja di Robert Rodriguez, nel 2011 viene realizzato un nuovo Conan il Barbaro con Jason Momoa, che rappresenta un reboot del franchise.

Il Conan di Momoa è effettivamente più somigliante a quello originale rispetto al Conan di Schwarzenegger, ma la qualità del film, la trama e le trovate sono abbastanza inferiori a quello di Milius. Siamo abbastanza sopra Conan il Distruttore, Yado e Kull il Conquistatore, ma il film è certamente un’occasione sprecata e anche quì non viene ripresa pressoché alcuna idea delle storie del canone.

A seguito del fiasco, la casa produttrice ha confermato che ci sarà un nuovo film di Conan forse nel 2014, con una trama che abbandonerà la timeline del film del 2011 per seguire direttamente il film del 1982. Secondo le prime indiscrezioni (che saranno sicuramente smentite) Arnold Schwarzenegger sarà il protagonista di questo nuovo Legend of Conan.

Neanche troppo diverso...

Neanche troppo diverso…

Cartoni animati e telefilm

Dal personaggio di Conan fu tratta una serie animata arrivata anche in Italia: Conan (originariamente Conan the Adventurer). I riferimenti al canone sono pochi, ma comunque più di quelli dei vari film e in genere la serie ha una ridotta presenza di violenza, oltre che un’animazione di qualità medio-bassa. Viene in ogni caso considerata uno dei pilastri dell’animazione “sword and sorcery” assieme a He-man e Dungeons&Dragons (andiamo bene…). La serie consta di una sessantina di episodi e infine di uno spin-off in poche puntate, mai portato in Italia: Conan and the Young Warriors.

Un film di animazione, Conan: Red Nails, indipendente da ogni altro prodotto video elencato finora, sembrerebbe in preparazione e dovrebbe essere rilasciato entro pochi mesi.

Una serie tv di bassa lega basata sulle avventure del Cimmero e chiamata Conan the Adventurer è stata poi realizzata negli Stati Uniti nel 1997, sulla falsa riga dei vari Hercules, Xena, Robin Hood e Simbad di quegli anni. Mal recitata e abbastanza priva di senso, basata su alcuni cliché del personaggio e su alcune trovate del film di Milius, con uno spiccato cambiamento del personaggio in un “bravo compagnone” dall’accento germanico e un nemico da operetta chiamato Hissah Zuhl, questo telefilm è stato chiuso dopo la prima stagione, pur collezionando ben 22 (ripetitive) puntate.

Qualcuno ricorderà i cartoni animati di Conan...

Qualcuno ricorderà i cartoni animati di Conan…

Ecco dunque i miei consigli finali: Maratona Conan con nell’ordine (discendente): Conan il Barbaro, Conan il distruttore, Yado e Kull il Conquistatore, per poi finire con il Conan del 2011. In una notte di deliri, spadoni e mutandoni ve ne tirate fuori e potete dire di averli visti tutti e anche di più…

Per chi volesse recuperare qualcosa su Amazon.it ecco:

Conan Il Barbaro

Conan Il Distruttore

Yado

Conan the Adventurer

king-conan

.

Leggi anche:

Il Conan di racconti e romanzi

Il Conan dei fumetti

Il Conan dei giochi

Continua…

Pin It

Related Posts

15 Responses to Conan il Barbaro – Avventure Italiane 4

  1. Ti dirò, a me Il Distruttore piace come film, anche se Il Barbaro resta il migliore.
    A quello schifo del 2011 non ci voglio invece nemmeno pensare… xD

    Ciao,
    Gianluca

    • maurolongo says:

      Non mi hai ancora detto di Yado… 😉

      • Perché non l’ho mai visto, e da quel che ho letto in questo articolo mai lo farò! 😀

        • Fra says:

          Si, non è un granché anche se simpatico. Inizio molto violento comunque salvo poi che compare… una specie di fata °_O XD! Il Dinone nazionale ed internazionale aveva Schwarzy per 4 film, ma dopo CIB è riuscito a produrne tre tutt’ altro che memorabili!

    • Fra says:

      Anche a me CID non dispiace e da ragazzino lo preferivo al primo. XD Certo, perde molto in epica!

  2. Alon Padisha says:

    questo lavoro sulle varie incarnazioni letterarie e non di Conan è proprio una bella idea! vedo con piacere che in questo periodo la Caponata , tra Smith, Lovecraft e Howard è ricca del mitico terzetto di weird tales.

  3. la colonna sonoradi pouledouris nel primo film di conan è qualcosa di… esaltante e di indimenticabile.

    è vero che il conan di schwarzenegger è l’opposto di quello di howard: in pratica il panzer biondo spaccaossa invece della nervosa e scura belva selvatica descritta dal texano, ma diamogli merito che a livello visivo ha influenzato parecchia narrativa e iconografia popolare negli anni 80 e 90 …ad estremizzare… la scena finale dove è seduto sul trono è stata ridisegnata da bronson hara per rappresentare il raoul seduto sul trono in ken il guerriero.

    che sia fedele o meno all’originale poco importa, il film ha fatto conoscere il personaggio anche a chi non era addetto ai lavori.

    conan il barbaro film mostra i limiti del tempo ma oliver stone e milius hanno fatto un signor film (poi la genialata è stata nel far parlare il cimmero solo a monosillabi per tutto il film, giusto per esaltare l’espressività del governator, ahahah)

  4. Si può sperare in qualche articolo futuro su altri personaggi o scrittori pulp o sword&sorcery? Magari anche meno conosciuti?

  5. Fra X says:

    Da piccolo fantasticavo su un possibile film di Conan sovrano! Di recente ho sentito e letto, anche quì, che dovevano farlo! Peccato non sia stato realizzato. Nel documentario contenuto nel DVD non ricordo se Oliver Stone o qualcun’ altro ha dichiarato che Conan sarebbe dovuta essere una lunga serie come successo per 007! XD Poi si parla effettivamente di trilogia. Peccato ci si sia fermati al secondo! Da piccolo preferivo quest’ ultimo e trovato il primo un pò troppo “zozzo” XD e cupo. Beh, crescendo ho imparato a ad apprezzarlo di più e lo preferisco al secondo, che però continua a piacermi, anche se è stato un peccato che abbiano smorzato i toni cupi della prima pellicola e punto più sulla componente fantasy. Chissà come mai la DEG decise per questi cambi nonostante il buon riscontro di “Conan il barbaro”. Una cosa simile è avvenuta per il secondo film delle mitiche tartarughe ninja! Più “leggero” rispetto al primo. Tornando a Conan, oggi certi combattimenti e la scena del serpente della pellicola uscita nell’ 82 sono un pò datati e sarebbero potuti durare di più, ma vabbé.
    Non sapevo fino a qualche minuto fa che lo script del terzo episodio fosse stato rielaborato per “Kull il conquistatore” con il mitico Kevin Sorbo! A proposito, mi stò pentendo di averlo snobbato quando l’ ho beccato in TV.
    Mitica la serie animata! ^^ Se non erro “Conan and the Young Warriors” è andato in onda anche da noi. Io infatti ricordo che dopo la vittoria su Set, Iracond e gli altri, cominciavano questi nuovi episodi in cui se non erro c’ è solo Conan dei personaggi soliti che fa da maestro a tre giovani guerrieri! All’ inizio rimasi abbastanza perplesso di ciò!
    Di “Yado” mi piace la prima parte mentre la seconda è un pò troppo tirata via secondo me e non vediamo neanche bene in azione la reliquia!

  6. Fra X says:

    La serie TV dal vivo non l’ ho vista! Di quelle del periodo sopracitate è l’ unica che mi sono perso.
    Ho letto che “Kull il conquistatore” è stato prodotto da Raffaella De Laurentiis!

  7. Fra says:

    ” è un filmaccio cult di Schwarzenegger, vecchio ormai di 30 anni, che non riesce a uscire dalla Serie B. ”

    M’ era sfuggito! Per carità dai! XD Nel suo genere è un filmone ed ha delle scene indimenticabili come quella della macina, della venuta degli spiriti, il funerale, la battaglia finale…

    • Mauro Longo says:

      La scena della macina è il top del trash. Dimmi cosa c’è di meno coerente con il personaggio di Conan che qualcuno lo lega a una macina e quello continua a girare per dieci anni… 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *