Il Venture System e i nuovi librogame di GG Studio

by • 26/10/2016 • Consigli per gli acquisti, Dal LibroGame al Gioco di Ruolo, Editoria e Narrativa, I Corti di LGL, Kata Kumbas, News, Roba mia, Ultima ForsanComments (5)1361

venture system

Il Venture System è un sistema per gdr e librogame creato da Umberto Pignatelli, con un po’ di aiuto da parte mia. Ecco i primi 3 librogame in circolazione!

Venture System e librogame: post QUADRUPLO per questa antevigilia di Lucca Comics & Games 2016!

Ma andiamo con ordine…

I Corti 2016 Circa un anno fa io e il complice Umberto Pignatelli ci siamo trovati a ragionare insieme su una nuova meccanica di gioco da sviluppare per GG Studio, e in particolare per delle nuove linee di librogame. “Insieme” significava ovviamente che lui avrebbe fatto tutto il lavoro e io me ne sarei preso metà del merito, come sto effettivamente facendo anche solo scrivendo questo post.

L’idea di fondo era quella di creare un sistema che annullasse quasi completamente l’alea (i risultati casuali generati ad esempio dai lanci di dado) dal gioco e si concentrasse su un sistema di “gestione delle risorse” di un personaggio-eroe e di “puntate”, basato quindi non su quello che un Eroe può riuscire a fare, ma su quello che decide di riuscire a fare, con una accorta gestione di quello che lo stesso eroe poi deve altre volte “rinunciare a fare” per conservare le proprie suddette risorse.

Insomma, il libro avrebbe messo il lettore di fronte a delle scelte tattiche e dei dilemmi. Poi, a seconda di come lo stesso lettore avesse deciso di procedere, a delle Prove in cui l’Eroe avrebbe potuto impegnarsi al massimo e riuscire (spendendo i punti a propria disposizione) o rinunciare all’obiettivo del momento per prendere altre strade verso la propria meta finale.

Venture System: come funziona?

Copiando Utilizzando le parole dello stesso Pignatelli:

Le principali caratteristiche del VENTURE SYSTEM sono tre:

– Senza Dadi

– Gestione di Risorse

– Note di Gioco

Ricordati che devi risorgereFacciamo un esempio da Il Cavaliere della Porta: Ugger, l’eroe protagonista,è definito da tre caratteristiche: Forza, Astuzia e Saggezza, ognuna di esse variabile tra 1 e 10. All’inizio del gioco avete a disposizione un certo ammontare di punti da dividere tra esse a vostro piacimento. Ugger ha altri due punteggi: l’Energia (pari alla somma delle Caratteristiche), e il Fato, che inizia con un valore di 2.

Durante l’avventura sarete posti di fronte a delle Prove, ovvero a dei test di caratteristica, presentati in questo modo:

Devi essere molto forte per sfondare la porta (FORZA 7). Se ce la fai, vai al 43, altrimenti continua al 177.

Semplicemente controllate il valore attuale della caratteristica in esame e, se volete, spendete Energia e/o Fato per aumentarne temporaneamente il valore. Per ogni punto Energia speso ricevete +1 al totale della prova, mentre per ogni punto Fato ricevete +4.

E i dadi? Semplice, non ce ne sono! Potrete giocare questo libro comodamente in poltrona, in treno, sul tram, o dove volete voi.

Questo sistema ha vari vantaggi, il primo dei quali è che lascia nelle vostre mani il decidere quando superare (o fallire) una specifica prova. Dall’altra parte costringe illettore ad una gestione accurata delle risorse (potrete recuperare Energia mangiando, dormendo e… in altri modi e guadagnare Fato, anche oltre il punteggio iniziale, per le vostre imprese eroiche).

C’è una precisa scelta di design dietro questo, ovvero l’implementazione del fail-forward: il fallimento interessante. Fallire nelle prove infatti non causa (almeno non spessissimo) la morte, quanto piuttosto apre nuove possibilità e diramazioni della storia, spesso inaspettate, filosofia che troverete in tutti i librogame del VENTURE SYSTEM.

Ad esempio, durante l’avventura potreste cadere in un crepaccio decidendo di fallire in una Prova di Astuzia, ma questo vi permetterà di trovare ed esplorare una particolare locazione nascosta al fondo dello stesso.I Corti 2016

Certo non è detto che questo accada sempre: potreste anche spiaccicarvi al fondo del crepaccio di cui sopra, ma cosa sarebbe la vita di un eroe senza un po’ di rischio?

Oltre a questo avrete a disposizione un inventario da gestire, compreso di armi, armature e così via e, molto importante, le Note di Gioco, ovvero particolari annotazioni che dovrete tenere per rendere la storia reattiva alle vostre scelte. Un particolare tipo di Note sono i Tratti, ovvero abilità speciali e caratteristiche peculiari che il nostro eroe potrà acquisire durante il gioco.

In questo sistema, inoltre, il combattimento è una Prova come le altre, ma una dove (solitamente) non è possibile (o consigliabile) perdere.
Ecco un tipico esempio.

Il bandito si lancia su di te! Devi combattere (FORZA 8). Se vinci vai al 199.

Come vedete, in questo caso non e` prevista altra opzione se non riuscire, l’alternativa e` la morte. Quindi, se non avete l’Energia o il Fato necessario per farcela… beh… e` stato bello conoscervi!

Su questo sistema si innestano altri elementi: i Tratti, gli Oggetti e i Combattimenti Narrativi.

I punteggi dei personaggi, in combattimento, vengono infatti modificati da particolari Tratti (es. Spadaccino) uniti all’equipaggiamento. Le Armi, nel Venture System, non sono differenziate in modo puramente numerico, ma danno invece bonus contestuali (ad esempio avere una Mazza invece che una Spada vi aiuterà molto se dovrete combattere contro degli scheletri), mentre altre invece aprono opzioni tattiche diverse (ad esempio con Fionde, Lance, Pugnali o altre armi da lancio avrete, in certi casi, modo di colpire il nemico a distanza).

Questo ultimo aspetto va inoltre ad unirsi con i cosiddetti Combattimenti Narrativi: si è cercato, in tutti gli scontri importanti, di renderli delle vere “scene da film”, dove non saranno solo i valori numerici a farvi vincere o perdere, ma le vostre scelte.

Vivi e lascia risorgere

the-dark-eye-chains-of-satinav-cover

Il tuo nome è Arrigo, ma tutti ti chiamano Corvaccio.

Da quando hai compiuto dodici anni sei apprendista nella bottega di Mastro Martino, un vecchio amico di tuo padre che ha saputo insegnarti il mestiere di fabbro ferraio e chiavaiolo.

Sei sempre stato alto per la tua età, e molto magro, nonostante a casa tua il buon cibo non sia mai mancato. I tuoi capelli sono neri e la tua carnagione pallida. Spesso sei silenzioso e riflessivo e tutte queste caratteristiche hanno fatto sì che tutti ti dessero il soprannome “Corvaccio”, ma ti sei anche dimostrato più volte un giovane coraggioso e un buon compagno di avventure per i tuoi amici.

E adesso avrai bisogno di tutte le tue doti, perché Certaldo è stata invasa dai Morti!

Devi fuggire, salvarti la vita e trovare un rifugio per te e le persone che ami. Le difese della tua città hanno ceduto e l’orda dei Trapassati Redivivi che la assediava si è riversata tra le strette vie di pietra, assalendo le barricate, aggredendo i fuggitivi per pascersene come bestiame, scagliandosi contro le guardie armate e le porte sbarrate delle abitazioni.

Non c’è un momento da perdere: i Morti sono dappertutto!

venture systemIl primo test del Venture System è stato il mio librogame “Vivi e lascia risorgere“, basato sull’ambientazione del Decameron dei Morti – Ultima Forsan e presentato come fuori concorso alla scorsa edizione de “I Corti di Librogame’s Land”, l’agone italiano per eccellenza dei librogame, dove i più grandi appassionati nostrani si scontrano con le proprie opere, di fronte a una giuria dei più esperti e navigati conoscitori del genere.

Vivi e lascia risorgere è il prequel dei fatti raccontati in Ricordati che devi risorgere, un altro dei progetti di narrativa interattiva sviluppati in questi anni e legato al Decameron dei Morti. C’è un progetto in corso con una casa editrice italiana per rendere Vivi e lascia risorgere un librogame di dimensioni standard e pubblicarlo in versione cartace a e digitale, ma ammetto che sinceramente sono molto in ritardo con i lavori. Visto che l’anteprima è gratuitamente condivisa, vi invito a leggerla e giocarla e/o a chiacchierarne insieme nella discussione relativa sul forum di Librogame’s Land.

Il cavaliere della porta

cavaliere della porta

Questo non è un libro come gli altri, ma un’avventura interattiva dove vestirai i panni di Ugger, il Cavaliere della Porta, e varcherai le Porte di Livello per visitare le lande di Laìtia, un mondo fantastico dal netto sapore mediterraneo.

È un brutto momento nel ducato di Torviero, nel cuore della Brumia. Tirelius, il barone nero figlio di una strega, ha deciso di esigere in sposa la bella Fiordalisa, principessa di Torviero, e suo padre il duca non ha il coraggio e la forza per rifiutare.

Ma un’antica profezia narra che, quando Torviero correrà il più grande pericolo, il Cavaliere della Porta, eroe del passato, tornerà su Laìtia per salvare il ducato e reclamare la sua sposa.

Questo librogame, ambientato nel mondo di Kata Kumbas, utilizza un innovativo sistema senza dadi, detto Venture System, per farti vivere entusiasmanti avventure!

Cosa stai aspettando? Apri il libro e avventurati su Rarte, dove l’aria ha il profumo del basilico e della maggiorana!

Ricorda, in questo libro il protagonista sei tu!

Il Cavaliere della Porta è il librogame realizzato da Umberto Pignatelli e Francesca Baerald per GG Studio e ambientato nel mondo di Kata Kumbas, il celebre gioco di ruolo italiano recentemente ripubblicato da Savage Worlds Italia. Se volete testare un librogame completo con il venture system, vivere un’avventura straordinaria scritta da un grande maestro di giochi e librogame, e avventurarvi in uno dei più bei mondi del gioco di ruolo italiano mai realizzati, Il Cavaliere della Porta è il libro che fa per voi.

Lo trovate in vendita a Lucca Comics & Games, presentato dal suo stesso autore, e in seguito su tutte le piattaforme e in tutti i negozi che distribuiscono Savage Worlds.

Golgota Blues

venture system golgota blues

Urizen, quarta città per importanza di Bariz, secondo pianeta del Sistema Horizon. Da qualche parte nella Galassia.

Il tuo nome è Caleb Storm e risolvi problemi, anche quando questi ti si abbattono addosso a raffiche come acquazzoni autunnali. Sei un detective privato e lavori a Gigamesh Pike, l’estrema periferia occidentale di Urizen. Nonostante la tua vita tra i tentacoli di questa metropoli fluttuante sia dura, tu sei un osso ancora più duro e riesci a sbarcare il lunario senza troppi incidenti.

Ma stanotte è meglio se apri l’ombrello, Storm.

Stanotte piovono rogne di quelle grosse. Rogne calibro 45…

IN QUESTO LIBRO IL PROTAGONISTA SEI TU!

Golgota Blues è un’avventura in solitario ambientata nel mondo di Nemezis, da giocare con il regolamento originale che trovi all’inizio del libro.
Gioca nei panni di Caleb Storm e preparati a una buona dose di piombo, revolverate a impulsi e culti innominabili, giù nel cuore marcio e decadente di Urizen.

Non c’è tempo da perdere: vai a pagina 1 e comincia subito la tua avventura!

Il terzo librogame che attualmente “monta” il venture system è Golgota Blues di Andrea Tupac Mollica, di cui ho avuto il piacere di curare editing, betatesting e proofreading. Andrea Mollica aveva già realizzato la campagna presente sul modulo italiano di Bariz per il savage setting Nemezis, sempre pubblicato in italiano da GG Studio, e adesso ritorna a bomba su questa ambientazione con un librogame agile e ipercinetico: un’avventura noir e inquietante che si svolge su una delle metropoli fluttuanti di Bariz.

Anche Golgota Blues lo troverete a Lucca Games e subito dopo nella normale distribuzione.

Se siete appassionati di librogame, se vi piacciono le storie interattive, se avete fame e sete di avventura… Il Venture System, Ricordati che devi risorgere, Il Cavaliere della Porta e Golgota Blues vi aspettano!

Pin It

Related Posts

5 Responses to Il Venture System e i nuovi librogame di GG Studio

  1. Matteo says:

    Credo di essere stato uno dei primi “esterni” a mettere le mani sopra al sistema, testando il tuo racconto-game, e come sai mi è piaciuto molto come prosa e come giocabilità.
    Il sistema di gioco mi piace molto e mi sembra in linea con il tuo “credo”, una visione avventurosa positivista dove le scelte comportano sfide e non sfighe (se non in certi giusti casi 🙂 ) e l’azzardo paga, sicuramente in termini di intrattenimento ludico.

    Mi intriga molto il librogame su Nemezis, avendoci vissuto in parte durante la stesura della mia avventura, quello me lo procurerò sicuramente.

  2. Ma se uno volesse invece scrivere qualcosa utilizzando il Venture System? È già disponibile o ci sono progetti per renderlo tale?

    • Umberto Pignatelli says:

      Ciao, al momento il sistema e` in mano ad alcuni autori selezionati, ma stiamo valutando come muoverci per un’eventuale apertura verso l’esterno.
      Ne sapremo qualcosa nei prossimi mesi. Stay tuned!

  3. Yaztromo says:

    Nuovi librigame come se piovesse!!! 🙂

  4. Yuri says:

    Sembrano essere tutti dei librogame imperdibili, anche perchè conosco bene la grande passione per il fantastico in generale e per i lg in particolare di tutti e tre gli autori. Ugger… mi sembra di conoscerlo, cuori, leono e Anderson centrano qualcosa? 😉 Ultima Forsan e Kata Kumbas li apprezzo già molto, nemesiz per me è un setting nuovo, sono curioso di scoprirlo, ho grosse aspettative visti i librogame precedenti di Andrea.
    Il sistema diceless, che nella mia personale opinione in un gdr è poco sensato, in vece in un lg mi convince molto. Anni fa ne parlavamo con un amico e dicevamo : se in un gdr (ad esempio D&D) si tira per fare un’azione e si fa 1 tutti ridiamo se si fa 20 anche. Se sto leggendo un lg da solo questo aspetto è molto meno importante. Mi piace anche moltissimo il concetto di fail forward, questo sì da spingere anche nei gdr secondo me. La buona vecchia gestione delle risorse poi non deve mancare mai! 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *